Tutta la tristezza di Pompeo

Sulla tristezza solenne di Pompeo ci sarebbero (ci sono) da dire almeno un milione di cose, senza che poi ce ne sia davvero bisogno. Almeno non per far capire quanto sia un meraviglioso testamento di un artista sparito decisamente troppo, troppo presto.

Un’opera magistrale, realizzata con lo stesso virtuosismo caratteristico di sempre, che a tratti fa ridere, sì, ma avvertendo un presagio costante di tragedia.
Di Andrea Pazienza m’è sempre piaciuta (oltre a tutto il resto) la capacità di dedicare la stessa poesia a un disegno di un brufolo che scoppia a quello di un monologo ultimo, un messaggio ai genitori prima di morire, alla rassegnazione dei personaggi di fronte all’inevitabile trapasso, di fronte alle scelte infelici, di fronte alla droga che prima ammazza Pompeo e poi ammazza l’artista stesso.

Gli ultimi giorni di Pompeo l’ho letto la prima volta a sedici, forse diciassette anni, ma forse anche a quindici, non ricordo. Forse troppo presto, forse solo rileggendolo di continuo nel corso degli anni ho capito veramente quello che nascondeva tra le pagine.
Quanta amarezza e sincerità nelle parole di Pompeo, nei suoi pensieri attoniti e nella nostalgia dell’infanzia perduta. Chiede aiuto alla droga, all’amore che trova deludente, alla famiglia che è sempre presente, ma non abbastanza per colmare un vuoto immenso reso tragicamente reale dal tratto di Paz, che stoico avanza verso la fine tremenda della vita troppo breve di Pompeo.
Pazienza è l’artista totale, quello che rende perfetto ogni suo lavoro. Pompeo è la rappresentazione dei demoni di un uomo stanco (lo stinco più stanco).
Dopo questa spensierata allegrezza vi ricordo di leggere TUTTA l’opera di Pazienza perché fa male all’anima ma a volte anche bene, e in ogni caso avrete letto qualcosa di unico e bellissimo.

– G.P.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: